Amore incondizionato di bambole reborn

“Il giorno in cui i miei figli sono arrivati a casa mia, mi hanno rubato il cuore e non me lo hanno più restituito”, così Luisa, che è stata assistente SOS per più di 15 anni nei Villaggi dei Bambini SOS, descrive l’arrivo dei suoi figli nella sua vita.

Luisa non ha mai pensato di diventare madre, per molti anni ha lavorato ricamando costumi tradizionali, ma aveva bisogno di un cambiamento nella sua vita e le sue sorelle le dissero che sarebbe dovuta andare con loro a lavorare nei Villaggi dei Bambini SOS, perché lì avrebbe potuto prendersi cura e dare amore ai bambini che ne avevano bisogno, in diverse occasioni le hanno parlato della storia di un gruppo di dieci fratelli biologici e hanno commentato che lei era quella giusta per essere la loro madre.

Aveva 32 anni quando ha iniziato a lavorare in un Villaggio SOS per bambini, prima era una zia di sostegno, cioè il suo ruolo era quello di aiutare le mamme SOS nella cura dei bambini, degli adolescenti e dei giovani, anche se conosceva bene il lavoro che facevano, non si sentiva preparata a essere responsabile di una casa, ma la situazione è cambiata quando ha incontrato un gruppo di dieci fratelli.

Con l’accompagnamento, il sostegno e i consigli di altre mamme SOS, ha deciso di avere la sua Famiglia SOS. Nel prendere questa decisione è stato molto importante anche l’appoggio della sua famiglia biologica, che sebbene all’inizio fosse contraria, in seguito ha capito che aveva tutte le capacità, ma soprattutto l’amore per prendersi cura di dieci bambini, che sarebbero diventati i suoi figli.

Luisa ha accolto un gruppo di dieci fratelli biologici, tre femmine e sette maschi. Dean, il più piccolo, aveva quasi un anno e aveva più bisogno di lei, perché aveva problemi di salute, così si è assunta la responsabilità di accudirlo e oggi ha quasi 18 anni e gode di ottima salute. Quando i dieci bambini arrivarono a casa di Luisa, lei seppe che il suo amore per loro sarebbe stato incondizionato e quel giorno divenne madre.

La prima notte a casa, non riuscì a dormire bene perché era preoccupata per come stavano i suoi figli, si chiedeva se avessero paura o se fossero tristi, molte domande riecheggiavano nella sua testa, ma sapeva che doveva solo mostrare loro affetto, dare loro cure e amore perché le loro ferite guarissero e i loro occhi recuperassero la gioia che ogni bambino dovrebbe avere.

Così come ci sono stati momenti difficili, ci sono stati anche momenti felici, come la prima volta che l’hanno chiamata mamma o il giorno in cui uno dei suoi figli le ha detto che le avrebbe raccontato una storia triste, ma con un lieto fine, e con sua grande sorpresa, suo figlio le ha raccontato la sua storia e le ha fatto sapere che era felice che lui e i suoi fratelli avessero una mamma che si prendeva cura di loro e li amava.

E così è stato, l’amore è stato la chiave per far vivere ai suoi figli un’infanzia felice in una casa accogliente come l’Aldea de Huehuetoca, dove hanno vissuto per più di 12 anni, dove hanno festeggiato i compleanni, hanno vissuto momenti difficili e tristi che hanno superato insieme come famiglia, e un giorno hanno sognato di vivere lontano da lì e di formare una casa tutta loro.

Da tre anni Luisa e i suoi dieci figli vivono a Veracruz come famiglia sociale; la decisione è stata presa quando la maggior parte di loro aveva già lasciato l’organizzazione per iniziare una vita indipendente, quindi ha chiesto l’affidamento dei due figli più piccoli per poter continuare a creare ricordi familiari in una nuova casa.

Lei e i suoi figli hanno deciso di trasferirsi a Córdoba, Veracruz, perché lì vive tutta la famiglia di Luisa, con la quale hanno vissuto da quando li ha portati a casa sua per presentarli, li hanno sempre visti come nipoti, cugini, eccetera, persino suo padre è diventato una figura paterna per tutti loro.

Sebbene sia stato molto triste per Luisa e i suoi figli lasciare il Villaggio, perché è stato il luogo in cui si sono conosciuti e sono diventati una famiglia, sono felici di poter vivere come qualsiasi altra famiglia, perché hanno ancora una casa piena di rispetto, amore e cura.

Oggi non solo ha dieci figli, ma anche sette nipoti, due maschi e cinque femmine. È felice e grata per la famiglia che ha.

Il lavoro degli assistenti SOS è degno di ammirazione e rispetto, perché sono loro a guidare, ascoltare, consigliare e accompagnare i bambini, gli adolescenti e i giovani a loro affidati.

 

La migrazione rappresenta un’alternativa per migliorare la qualità della vita delle persone, perché può portare un notevole sviluppo per intere famiglie, soprattutto nella sfera economica; tuttavia, la realtà della migrazione è ancora più dura, in quanto coloro che emigrano devono affrontare situazioni difficili durante il loro viaggio migratorio.

La migrazione rappresenta un’alternativa per migliorare la qualità della vita delle persone, perché può portare un notevole sviluppo per intere famiglie, soprattutto nella sfera economica; tuttavia, la realtà della migrazione è ancora più dura, in quanto coloro che emigrano devono affrontare situazioni difficili durante il loro viaggio migratorio.

Il motivo principale per cui le persone decidono di lasciare il proprio Paese d’origine è quello di garantire migliori opportunità educative, sociali ed economiche alle proprie famiglie, ma c’è chi deve migrare per salvaguardare la propria sicurezza dai rischi che corre la criminalità organizzata, e questo a volte comporta la migrazione come famiglia.

Intraprendere un viaggio in un Paese sconosciuto è molto complesso se fatto da soli, e farlo in famiglia lo è altrettanto, perché adulti e bambini sono esposti a violenze, discriminazioni, estorsioni e privazioni dei loro diritti. Molte famiglie di migranti non vogliono emigrare, ma devono farlo per sfuggire a situazioni che minacciano la loro vita.

Purtroppo, i migranti sono svantaggiati da un sistema pieno di disuguaglianze che viola le loro vite e la loro integrità fisica, emotiva e psicologica. Inoltre, il sostegno fornito dalle organizzazioni che si occupano della cura e della tutela dei diritti delle persone in situazione di mobilità non è sufficiente, poiché i centri sono stracolmi, per cui è necessario aumentare il numero di centri di accoglienza in Messico per garantire la tutela dei diritti di bambini, adolescenti, giovani e adulti migranti.

Le sfide della migrazione in famiglia

Sono nato in Guatemala e fino a due anni fa era il luogo in cui avevo trascorso tutta la mia vita, ma ho dovuto emigrare in un altro Paese, lasciando mia madre e la vita che io e mia moglie avevamo costruito.

Come molte persone che fuggono o lasciano il loro Paese, avevo una vita relativamente normale, lavoravo in un call center e avevo una flotta di Uber, una casa e in un certo senso vivevamo in pace, anche se la realtà è che con le bande nessun posto è sicuro, perché controllano tutto.

Per questo due anni fa abbiamo dovuto lasciare il Guatemala. Mia moglie è stata rapita, fortunatamente è riuscita a scappare e a tornare a casa, ma da allora viviamo tutti nella paura. Dopo il suo rapimento, siamo stati rinchiusi per una settimana, nascondendoci perché avevamo paura che venissero a cercarci, la polizia chiedeva di noi, ma non avevamo nemmeno sporto denuncia, quindi sapevamo che le bande e loro erano in combutta. Non eravamo più al sicuro e dovevamo lasciare il Paese, lasciare tutto.

Nel 2019 siamo arrivati al confine messicano, per un mese, amici della nostra chiesa ci hanno dato asilo, io ho cercato un lavoro e abbiamo iniziato le pratiche per la nostra richiesta di asilo, che ha richiesto sette mesi per essere accolta.

A Tapachula abbiamo incontrato Medici senza frontiere, che ha fornito supporto psicologico a mia moglie, gravemente traumatizzata dal rapimento subito, quindi ci siamo trasferiti a Città del Messico per seguire la situazione, con l’intenzione che io e la mia famiglia saremmo stati meglio, mentre mia moglie e mio figlio avrebbero continuato le cure mediche.

Siamo arrivati lì con molte promesse, ci è stato detto che avremmo avuto un tetto decente sulla testa, lavoro, cibo e la possibilità di andare in Canada, ma nulla era vero. A Città del Messico abbiamo sperimentato la violenza e assistito all’insicurezza, una persona ha aggredito mia moglie e mio figlio, la verità è che ci trovavamo in un luogo in cui non ci sentivamo a nostro agio.

Quando abbiamo chiesto informazioni sullo stato del processo di asilo in Canada, non c’era chiarezza sul processo, abbiamo dovuto vedere come altre famiglie stavano partendo per quel Paese, ma nel nostro caso non c’è stata alcuna risposta e di fronte a tutto quello che stavamo passando, abbiamo deciso di recarci a Tijuana, abbiamo scelto questo posto perché è più sicuro ed è vicino al confine con gli Stati Uniti.

Quando siamo arrivati a Tijuana, siamo andati all’ambasciata per parlare con il console e ricevere sostegno, perché non ci sentiamo sicuri neanche in Messico e il nostro progetto è di riuscire a raggiungere gli Stati Uniti o il Canada, vogliamo vivere in pace, perché non abbiamo potuto farlo nel nostro Paese e non possiamo farlo neanche qui.

Un luogo accogliente e familiare

In questa città di confine, io e la mia famiglia ci siamo rimessi in contatto con l’UNHCR, che ci ha indirizzato a SOS Villaggi dei Bambini e da due mesi viviamo nel Villaggio, insieme ad altre famiglie di migranti, per la prima volta dopo due anni io e la mia famiglia siamo in un posto tranquillo, vedo che mio figlio è felice e questa è la cosa più importante, perché uno dei motivi per cui abbiamo lasciato il Guatemala è garantire che nostro figlio stia bene.

È stato molto triste e qui è riuscito a superare molte cose, la sua autostima è migliorata, è un bambino felice che gioca e ride, questa è la cosa più importante per me e mia moglie. Ci hanno anche aiutato molto con i laboratori e i film, perché ci permettono di lavorare sul nostro processo di resilienza, tra le altre cose.

Qui ci ascoltano e ci tengono in considerazione, è una bella sensazione, perché molti di noi hanno vissuto situazioni di discriminazione per il fatto di essere migranti, quindi qui al Villaggio ci sentiamo bene.

Il nostro progetto è ancora quello di lasciare il Messico, non so quanto dovremo aspettare, ma sono grata per il sostegno di organizzazioni come quelle che ci hanno aiutato, penso solo che ci dovrebbero essere persone più empatiche nei confronti della nostra situazione, perché non volevamo lasciare le nostre vite e il nostro Paese, ma non avevamo altra scelta e vogliamo solo avere una vita tranquilla.

Quando ero in Guatemala stavo studiando per diventare un’emittente e il mio sogno è quello di poter avere un programma in cui persone come me condividano le loro storie, aiutino la gente a riflettere su questo problema e a capire la situazione di persone come me.

 

Oggi ci sono 1,2 miliardi di giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni, che rappresentano il 16% della popolazione mondiale. Per questo motivo, in occasione della Giornata della Gioventù, dobbiamo chiederci: quali sono le sfide che devono affrontare? Cosa possiamo fare per cambiare la loro situazione attuale in modo che possano costruire un futuro migliore?

Secondo le Nazioni Unite, questo è il quadro che i giovani si trovano ad affrontare a causa della pandemia di COVID-19.

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, un giovane su sei è senza lavoro a causa della crisi del COVID-19 .

A livello globale, l’occupazione giovanile è diminuita dell’8,7% nel 2020, rispetto al 3,7% degli adulti.

Le donne sono state più colpite dalla pandemia COVID-19 rispetto agli uomini.

Secondo stime recenti, nei prossimi 15 anni dovrebbero essere creati 600 milioni di posti di lavoro per soddisfare le esigenze dell’occupazione giovanile.

Dall’inizio della pandemia, più del 70% dei giovani in formazione o che lavorano sono stati colpiti dalla chiusura di scuole, università e centri di formazione.

La Giornata internazionale della gioventù si celebra ogni 12 agosto con l’obiettivo di dare voce ai giovani, di conoscere i problemi che devono affrontare a livello locale, nazionale e globale per generare azioni e iniziative che consentano loro di trovare soluzioni, tenendo conto che si tratta di un lavoro in coordinamento con il governo e la società civile.

Le sfide per i giovani al COVID-19

Nella maggior parte dei Paesi, i giovani sono riconosciuti come tali quando possono essere trattati come adulti agli occhi della legge, il che è noto come “età della maggiore età”, di solito all’età di 18 anni. Tuttavia, è necessario identificare i bisogni dei giovani fin da un’età più precoce, con l’obiettivo di fornire loro maggiori opportunità in conformità con il loro ambiente socio-culturale, economico e politico.

È importante affrontare con urgenza le sfide che i giovani devono affrontare in settori quali: Istruzione, salute, occupazione, violenza, equità di genere, sessualità, ecc. Riconoscendo che i giovani sono il pilastro fondamentale dello sviluppo di qualsiasi società, un primo passo sarebbe quello di creare spazi di partecipazione in cui possano essere ascoltati e in cui vengano generate proposte di azione per promuovere il loro sviluppo.

Tuttavia, la realtà è che viviamo in un mondo adulto e centrista, in cui crediamo che i giovani non abbiano nulla da apportare alla società, ma dobbiamo capire che sono le generazioni future e saranno loro a contribuire e a migliorare la situazione del Paese, persino del mondo, quindi la loro partecipazione è preziosa e dobbiamo ricordare che è anche un loro diritto.

Inoltre, la pandemia COVID-19 ha colto tutti di sorpresa e, di conseguenza, ha portato diversi problemi come: disuguaglianza nell’istruzione e nel genere, disoccupazione, lavori poco retribuiti, danni alla salute psico-emotiva e mancanza di reddito; che, sebbene esistessero già, sono aumentati e hanno segnato l’inizio di un futuro ancora più complesso per le generazioni future.

Non si conosce ancora il vero impatto della pandemia, anche se i vaccini per la COVID-19 rappresentano una speranza, la realtà è che nulla sarà più lo stesso e i giovani che vivono in situazioni di vulnerabilità saranno i più colpiti, perché devono ancora affrontare diversi stigmi.

Sappiamo solo che la pandemia aumenterà le disuguaglianze esistenti e farà sì che le opportunità di sviluppo per i giovani diminuiscano o si riducano, minando ulteriormente i loro diritti umani e rendendo più difficile la costruzione di un mondo equo per donne e uomini.

I giovani e gli SDG

I giovani meritano e hanno bisogno di maggiori opportunità e di soluzioni giuste ai problemi che affrontano e affronteranno, quindi è importante affrontare e creare soluzioni alle sfide che mettono a dura prova il loro presente e il loro futuro. Un primo passo sarebbe quello di garantire a tutti i giovani l’accesso a un’istruzione di qualità per sviluppare competenze che contribuiscano all’economia, e questo sarà possibile anche in presenza di un mercato del lavoro equo.

Un obiettivo primario dell’Agenda 2030 è garantire che “nessuno venga lasciato indietro”. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) sono destinati a tutte le nazioni, a tutti i popoli di ogni età e a tutte le società. Per questo motivo, nell’Agenda 2030, i giovani devono essere considerati in tutti gli SDG e gli obiettivi, poiché dobbiamo riconoscere i giovani come agenti del cambiamento per garantire il futuro delle prossime generazioni.

Gli SDG che garantiranno ai giovani l’opportunità di un futuro migliore sono:

Obiettivo di sviluppo sostenibile 4: Istruzione di qualità.
Obiettivo di sviluppo sostenibile 5: uguaglianza di genere.
Obiettivo di sviluppo sostenibile 8: lavoro dignitoso e crescita economica.
L’istruzione è un diritto fondamentale per i giovani di tutto il mondo, per questo deve essere inclusiva, equa e gratuita sia per gli uomini che per le donne, oltre che con una formazione che permetta loro di tenersi al passo con i cambiamenti sociali e tecnologici che si presentano.

Garantire l’accesso a un’istruzione equa e di qualità potrebbe assicurare ai giovani la possibilità di lavorare e apprendere in modo inclusivo, equo e gratuito per uomini e donne.

Oltre a questo, bisogna considerare che viviamo in una società che ancora discrimina le ragazze e le donne, purtroppo ci sono ancora grandi disuguaglianze, ad esempio alle donne vengono negati gli stessi diritti lavorativi degli uomini; quindi è importante responsabilizzarle e contribuire a promuovere il loro sviluppo in tutti i settori, perché con il loro talento e le loro conoscenze possono contribuire all’economia mondiale.

Per costruire un mondo in cui uomini e donne abbiano le stesse opportunità, è importante che lo Stato, la società e il settore imprenditoriale creino iniziative in cui i giovani possano sviluppare il loro potenziale, acquisire esperienza lavorativa e generare progetti propri. Ricordiamo che i giovani sono agenti di cambiamento e possono mobilitare i progressi degli SDG per migliorare le loro vite.

 

Secondo i dati del Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (DESA), nel 2020 i giovani migranti rappresentavano l’11,3% della popolazione migrante totale e il 2,6% della popolazione giovanile totale nel mondo.

I giovani migrano alla ricerca di migliori condizioni di vita, istruzione e ricongiungimento familiare, oltre che per motivi umanitari. La migrazione dei giovani è causata principalmente dall’elevata disoccupazione giovanile e dalla mancanza di posti di lavoro dignitosi nei Paesi di origine.

Dal 2016, il Villaggio SOS per bambini di Città del Messico ha accolto bambini e adolescenti in situazione di mobilità; uno dei primi collocamenti è stato quello di Brianda, un’adolescente di nazionalità honduregna, che è stata trattenuta per due mesi in una stazione di migrazione in condizioni precarie.

Brianda scoprì che una carovana stava partendo per gli Stati Uniti e decise di unirsi a loro. Lo disse solo al padre e alla sorella, che acconsentirono, e con i pochi soldi che aveva bastarono per iniziare il viaggio. Durante il viaggio si è unita a un gruppo di persone che si sono prese cura di lei durante tutto il percorso; i suoi compagni l’hanno guidata a rimanere in Messico, invitandola a prepararsi attraverso la formazione e quindi a trovare un buon lavoro e a desistere dall’andare negli Stati Uniti.

“Il mio sogno è andare negli Stati Uniti perché lì ci sono più opportunità di vita, e in più ho una sorella che ha la cittadinanza americana, quindi vivrei con lei”, è quanto ha detto Brianda intervistata dallo staff di SOS Villaggi dei Bambini.

Un nuovo sogno

L’Istituto per le donne in migrazione (IMUMI) contatta Brianda alla stazione di immigrazione e accelera il processo di invio al Villaggio SOS per bambini di Città del Messico, dove viene accolta da una famiglia SOS.

Brianda è arrivata con una grande voglia di migliorarsi e di realizzare i suoi sogni: a causa dei continui cambi di residenza, aveva completato solo gli studi elementari, quindi una delle prime cose che voleva fare era riprendere gli studi e cercare lavoro. Riuscì a trovare qualche lavoro informale, ma il suo obiettivo era sempre quello di arrivare negli Stati Uniti.

Grazie alle reti di sostegno dell’Organizzazione, ha avuto l’opportunità di iniziare una formazione nel settore della gestione alberghiera; per sei mesi ha partecipato a un corso di sviluppo umano e si è inserita nel mondo del lavoro senza retribuzione, svolgendo stage nei settori della cucina, della manutenzione, delle pulizie, della panetteria e delle risorse umane.

Brianda ha completato con successo questa formazione, ma a causa della pandemia, le opportunità di lavoro retribuito nel settore alberghiero sono state chiuse; tuttavia, questo non l’ha scoraggiata, ha approfittato del tempo per la sua preparazione accademica, seguendo una serie di corsi digitali.

In seguito, con il supporto di DHL, un’azienda alleata di SOS Villaggi dei Bambini, ha seguito un percorso di tutoraggio online in cui ha potuto sviluppare le sue capacità emotive, ha iniziato a creare obiettivi personali, professionali e finanziari, il principale dei quali era trovare un lavoro.

Grazie a tutte le conoscenze acquisite, è stata in grado di svilupparsi e crescere come persona, ha iniziato a candidarsi per diversi lavori e nel settembre 2020 è entrata a far parte di Inteligencia Canina, un’azienda dedicata all’addestramento dei cani; questo lavoro è stato di grande interesse per lei, in quanto prova un grande amore per gli animali, avere questo lavoro le ha permesso di generare risparmi per iniziare il suo processo di vita indipendente.

Essere indipendenti in un altro paese

La migrazione rappresenta un’opportunità per i giovani di ottenere una migliore qualità di vita per se stessi e per le loro famiglie, consentendo loro di realizzare le aspirazioni educative, acquisire abilità e migliorare le competenze e le prospettive di carriera, costruendo così un progetto di vita che favorisca il loro sviluppo personale.

Nell’aprile di quest’anno, Brianda ha preso la decisione di vivere in modo indipendente al di fuori del Villaggio, affermando di sentirsi sicura perché ha le competenze necessarie per affrontare questa nuova sfida, e che il fatto di avere i suoi risparmi e un lavoro sicuro le dà l’opportunità di mettere in pratica tutto ciò che ha imparato al Villaggio.

“Mi sento molto felice per questo cambiamento, ho realizzato molte cose che non avrei mai immaginato di fare, per il momento non penso di andare negli Stati Uniti, ho imparato a essere più grata con il poco o il tanto che ho, a essere più tollerante, paziente e consapevole delle mie azioni e a imparare a essere più umana”, – dice Brianda a proposito del nuovo cambiamento nella sua vita.

SOS Villaggi dei Bambini è diventato un grande sostegno e una nuova speranza per i bambini e gli adolescenti non accompagnati che decidono di lasciare il loro luogo d’origine per avere una qualità di vita migliore e realizzare i loro sogni.