Maternità, genitorialità e realizzazione professionale

Maternità, genitorialità e realizzazione professionale

La sfida più grande della maternità è imparare a conciliare lavoro e vita familiare. Solo in Messico ci sono 15 milioni e 785 mila madri lavoratrici, che rappresentano il 72,9% della popolazione femminile economicamente attiva del Paese, secondo i dati dell’Indagine nazionale sull’occupazione e il lavoro (ENOE).

Essere madre comporta molti sacrifici, da un lato ci sono donne che devono lavorare, uscire di casa e lasciare i figli per andare a svolgere il proprio lavoro, dall’altro ci sono donne che decidono di rimanere a casa per occuparsi dei figli, lasciando da parte la vita lavorativa. Entrambi gli scenari prevedono di prendere un’opzione e lasciarne un’altra, perché purtroppo sembra che nella vita non si possa avere tutto.

Nel primo scenario, le madri che vanno a lavorare devono affrontare la preoccupazione e possono provare rimorso per aver lasciato i loro figli, ma la realtà è che non hanno scelta, poiché contribuiscono anche al sostentamento della famiglia. Nel secondo scenario, le madri che dedicano il 100% del loro tempo all’educazione dei figli non hanno tempo per riposare, il che è fisicamente e forse emotivamente drenante.

La realtà è che per la maggior parte delle persone il lavoro è un fattore importante per la qualità della vita, perché provvede alle necessità di base, ma ha anche un impatto sullo sviluppo professionale. Le donne madri si trovano ad affrontare la sfida di trovare un equilibrio tra lavoro e vita familiare, e per farlo devono cercare delle opzioni per garantire che i loro figli siano accuditi mentre loro sono al lavoro.

Conciliare lavoro e vita familiare

Yazmín è una madre che è riuscita a completare gli studi universitari e a trovare un’associazione, mentre allo stesso tempo si prendeva cura e cresceva i suoi tre figli, ma non lo ha fatto da sola.

Originaria di Tehuacán, Puebla, la sua famiglia è composta da sua madre, i suoi tre figli e suo marito. Ha conosciuto SOS Villaggi dei Bambini quando ha deciso di affidare il suo primo figlio alla casa comunitaria San Diego Chalma, che fungeva da spazio di accoglienza per bambini.

All’inizio i suoi amici e conoscenti hanno messo in dubbio la sua decisione di affidare il figlio a persone diverse dalla sua famiglia.

-Mi hanno affrontato con domande del tipo: “Perché non ti occupi di lui?”, e all’epoca ero una madre single e dovevo lavorare per mantenerci. Venire all’estancia significava poter lavorare e finire la mia tesi di laurea con la sicurezza che mio figlio era in uno spazio sicuro e curato”, racconta Yazmín.

L’orario prolungato, il costo accessibile, la comunicazione e la varietà di attività che assicuravano lo sviluppo a tutto tondo di suo figlio le hanno dato abbastanza fiducia da lasciare suo figlio all’asilo.

L’apprendimento che ha osservato nel figlio l’ha portata a decidere di continuare a sostenerla nella cura degli altri due figli e a proseguire nel suo lavoro e nel suo sviluppo professionale. Ha persino fondato un’associazione con altri colleghi chiamata Jóvenes con impulso A.C., che si occupa di orientamento di genere, prevenzione e attenzione alla violenza, oltre che di orientamento legale e psicologico, esercitando così la sua professione e vocazione di psicologa.

A posteriori, ritiene che la sua decisione sia stata quella giusta, poiché non solo ha avuto il tempo che le ha permesso di crescere professionalmente, ma anche perché la formazione fornita da SOS Villaggi dei Bambini le ha lasciato insegnamenti significativi per la sua vita personale e per la crescita dei suoi figli.

-Il lavoro del ranch è un modo di lavorare in un ambiente molto diverso, mostra come prendersi cura correttamente dei nostri figli, ci fa riflettere sull’educazione che portiamo dai nonni e ci fa capire che a volte non è sana e che ci sono altri modi di educare, rispettando l’integrità dei bambini.

Inoltre, grazie alla formazione, ora vivo la mia maternità in modo più sereno, prima ero in conflitto con il rapporto con mio figlio, con il mio ruolo di madre e con i diversi ruoli della mia vita” – dice Yazmín a proposito del lavoro di SOS Villaggi dei Bambini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

17 − eight =