Lontano da casa

Lontano da casa

“Sono dovuta scappare dal mio Paese perché non volevo essere la moglie di uno dei capi delle bande, poi lui si è stancato di insistere e sono iniziate le minacce, avevo paura per la mia famiglia e per me stessa, così l’unica opzione che avevo era lasciare il luogo in cui sono cresciuta” – esprime Jimena, 16 anni, che ha lasciato San Pedro Sula all’inizio del 2020.

All’inizio dell’anno scorso, l’arrivo della prima carovana del 2020 è stato registrato al confine tra Messico e Guatemala, dove più di 3.500 persone hanno cercato di attraversare il territorio messicano per raggiungere gli Stati Uniti; tuttavia, la maggior parte di loro è stata deportata nei Paesi di origine, perché le misure di immigrazione stanno diventando più severe.

  • “Ho lasciato Santa Rosa Copán all’inizio dell’anno scorso, ho pagato un pollero per portarmi in Messico. Ho viaggiato per quattro giorni in autobus, ma avevo paura, avevo molta paura che mi violentassero o mi facessero del male” – Fernanda, 17 anni, anche lei è dovuta fuggire dal suo Paese, perché per essersi rifiutata di vendere droga alle bande ha ricevuto minacce.

Le bande sono emerse nel caos delle guerre civili che hanno distrutto El Salvador e Guatemala negli anni ’80, l’eredità del conflitto ha provocato il potere delle bande. In Paesi come l’Honduras, dominati dalle gang o maras, storie come quella di Jimena e Fernanda sono molto comuni, poiché le donne sono vittime abituali della violenza e del machismo esercitato dai membri delle gang in un Paese così frammentato dalla corruzione e dalla povertà.

Si stima che in Honduras ci siano circa 70.000 membri di bande distribuiti in diversi gruppi criminali che attaccano direttamente la popolazione nelle loro case e per strada attraverso estorsioni e minacce.

Migrare per sicurezza

Jimena e Fernanda sono due adolescenti originarie dell’Honduras, entrambe cresciute in un Paese violento e insicuro, dove non avevano la possibilità di vivere una vita serena e tranquilla a causa del controllo delle bande, così hanno deciso di migrare in Messico con la speranza di raggiungere gli Stati Uniti e aiutare le loro famiglie ad avere una vita migliore.

Lasciare i loro cari non è stata una decisione facile, entrambi hanno dovuto abbandonare i loro ricordi d’infanzia e le calde braccia della mamma e dei loro fratellini. Ciò che li ha spinti a intraprendere il viaggio è stato l’amore e il sostegno delle loro famiglie, consapevoli che le loro vite erano in pericolo e che era meglio che fossero lontani da casa, forse in questo modo avrebbero avuto la possibilità di realizzare i loro sogni e smettere di provare paura.

All’arrivo in territorio messicano, entrambi sono stati trasferiti in una stazione di immigrazione dove hanno trascorso circa una settimana, per poi vivere per quasi tre mesi nel DIF Temporary Shelter for Migrant Minors di Tapachula, in Chiapas. Hanno vissuto l’inizio della reclusione a causa del COVID-19 nelle strutture di quel rifugio, senza avere chiaro il loro status legale e senza sapere per quanto tempo sarebbero dovuti rimanere rinchiusi lì.

L’aspetto più difficile della permanenza in un rifugio è l’impossibilità di uscire, il fatto di vivere in spazi ridotti e con poca igiene a causa del sovraffollamento, oltre a situazioni di abuso e discriminazione da parte dei collaboratori; il cibo che viene fornito lascia molto a desiderare, dal momento che, a volte, ricevono solo come cibo: fagioli e acqua.

  • “Quando è iniziata la pandemia, hanno cambiato il personale del rifugio e ne sono arrivati di nuovi, ma ci hanno trattato molto male, non mi piaceva proprio stare in quel posto, era molto brutto. Quando mi hanno detto che me ne sarei andato, non mi hanno nemmeno detto dove sarei andato, mi hanno solo messo in un furgone per migranti” – Jimena commenta la sua permanenza nel rifugio.

uno spazio sicuro

All’inizio di luglio 2020, Jimena è stata trasferita in un Villaggio, è rimasta colpita nel vedere che si trattava di un “rifugio” molto diverso da quello in cui era stata; aveva aree verdi, case e in ognuna di esse c’era un custode e un gruppo di bambini e adolescenti che vivevano lì, era uno spazio molto bello. Un mese dopo, Fernanda è entrata a far parte della stessa Famiglia SOS di Jimena, dove vivono altri tre adolescenti, Julián, Ernesto e Allan, anch’essi provenienti dall’Honduras, tutti affidati alle cure di Fanny, che li sostiene, li guida e li consiglia.

Ciò che piace loro di più della vita nel Villaggio è che si sentono liberi, non sono rinchiusi e possono svolgere attività all’interno e all’esterno, tenendo conto di tutte le misure sanitarie per evitare il contagio del virus. Jimena ha iniziato un corso di inglese e ha iniziato a lavorare in una casa dove pulisce e cucina, perché una delle sue grandi passioni fin da piccola è la cucina, che ha imparato prima osservando la madre e poi di sua iniziativa. Il suo sogno è diventare chef.

Fernanda ha anche trovato lavoro in una casa dove aiuta nelle attività domestiche. Vorrebbe imparare un mestiere in cui non saper leggere e scrivere non sia un ostacolo allo sviluppo. Ha potuto studiare solo alla scuola materna, perché dopo l’omicidio del padre la famiglia ha dovuto affrontare una crisi economica, e ha avuto anche problemi di lingua. Il suo sogno è imparare a leggere e scrivere e vorrebbe diventare un agente di polizia per aiutare le persone.

  • Molte volte mi hanno preso in giro, dicono che sono troppo vecchia per non saper leggere e scrivere, e questo a volte mi rattrista, ma nella mia vita sono successe molte cose e le ho superate, quindi imparerò a leggere e scrivere, per ora Chely, la Facilitatrice Familiare del F

La vita di entrambi gli adolescenti ha subito una svolta di 180 gradi; hanno dovuto fuggire dal loro Paese, lasciare le loro famiglie senza sapere quando potranno rivederle e ricominciare da capo in un Paese sconosciuto, ma nel quale hanno trovato un gruppo di persone che li sostiene e li incoraggia a prepararsi e ad avere una vita migliore. futuro.

Hanno già la residenza permanente, che dà loro la sicurezza e la protezione per muoversi liberamente nel territorio messicano, anche se il loro sogno è quello di raggiungere gli Stati Uniti, per offrire alle loro famiglie una vita migliore, lontano dalla violenza e dall’insicurezza che affliggono l’Honduras. .

Vista la pandemia che il mondo sta vivendo a causa della COVID-19, si sentono al sicuro perché hanno un posto dove stare, e seguono anche tutte le misure di cura come l’uso di maschere facciali e gel antibatterici, anche se non possono fare a meno di sentirsi preoccupati per i loro cari.

Fernanda e Jimena si descrivono come coraggiose e forti, ma sono molto di più, perché hanno affrontato situazioni che nessun bambino e adolescente dovrebbe vivere, come l’allontanamento dalla famiglia e dalla casa a causa della violenza che le bande esercitano nelle loro case. località. Oggi hanno l’opportunità di superare il loro passato, di realizzare i loro sogni e di riunirsi un giorno alle loro famiglie.

Con il sostegno dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e dell’UNICEF, dal 2018, 60 bambini e adolescenti non accompagnati sono stati accolti nel Villaggio di Comitán, offrendo loro un ambiente familiare e protettivo dove rimangono fino a quando la loro situazione legale non sarà risolta per continuare a cercare il sogno americano o costruire nuovi sogni in territorio messicano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

17 + 3 =