giovani non protetti

giovani non protetti

Il compimento del diciottesimo anno è una data simbolica nella vita dei giovani messicani: segna l’inizio di maggiori libertà, ma anche di maggiori responsabilità. Tuttavia, cosa succederebbe se una volta raggiunta la maggiore età non si avesse più un tetto dove vivere, cibo, accesso all’istruzione e, peggio ancora, non si avesse nessuno a cui rivolgersi?

In questo scenario, il compimento dei 18 anni cessa di essere un sogno e diventa un’angoscia, che sarà vissuta dai 33.118 ragazzi e ragazze che vivono istituzionalizzati secondo i dati dell’ultimo Censimento degli alloggi di assistenza sociale (CAAS) realizzato nel 2015.

Purtroppo, in Messico mancano informazioni e statistiche governative che rendano conto della situazione dei giovani usciti dai Centri di assistenza sociale (CAS), dai centri di accoglienza o dalle case di riposo. Inoltre, la maggior parte dei CAS non dispone di programmi di diploma che contribuiscano alla graduale autonomia e alla vita indipendente dei giovani.

giovani senza diritti

Quando un giovane deve lasciare il sistema di protezione, ha due possibilità: Vivere per strada, perché non hanno una rete di sostegno, o tornare nella casa da cui sono stati separati da bambini. È normale che non vogliano tornare in quel luogo, perché per qualche motivo sono stati separati dalla loro famiglia.

  • Nel mio caso, era chiaro che non volevo tornare dalla mia famiglia biologica, ma non avevo altra scelta. Quando ho lasciato la casa, ho capito che i giovani diplomati non hanno gli strumenti, il sostegno e l’accompagnamento per iniziare una vita indipendente. Quanti anni dovranno ancora passare perché questa situazione cambi?”, ha detto Tatiana, una giovane diplomata del sistema di protezione durante il Dialogo intergenerazionale: Esperienze di giovani diplomati dai Centri di assistenza sociale.

Un giovane diplomato dal sistema di protezione dovrebbe avere gli stessi diritti di un giovane che ha le cure dei genitori e che ha deciso di iniziare una vita indipendente; tuttavia, questo non è ancora una realtà, perché i giovani diplomati devono affrontare un sistema iniquo con ritardi strutturali nell’istruzione, nella salute e nell’occupazione, insieme a poche opportunità di acquisire e iniziare la loro vita professionale.

Quando un bambino perde le cure dei genitori e nessun membro della sua famiglia allargata vuole o può prendersene cura, lo Stato si assume automaticamente la responsabilità di accudirlo, proteggerlo e guidarlo, garantendo così il suo sano sviluppo in centri di protezione come orfanotrofi, rifugi, case e famiglie affidatarie, ma quando si entra in questo processo sorge una domanda: I diritti del bambino sono davvero pienamente ristabiliti, quando il suo diritto a vivere in famiglia è già stato perso? Ora, cosa succederà quando quel bambino crescerà e dovrà lasciare il Centro di assistenza sociale in cui è cresciuto e affrontare il mondo senza il sostegno di nessuno? Perché non ha alcun riferimento familiare.

Purtroppo, il percorso di quel giovane sarà pieno di incertezze:

Avrà perso il diritto all’istruzione, a 18 anni stanno per terminare gli studi al livello secondario superiore e non potrà prendere in considerazione la possibilità di studiare una laurea, senza il sostegno di qualcuno.
Non potrà avere accesso a un lavoro dignitoso, perché non avrà le competenze e gli strumenti necessari per sviluppare la sua vita professionale.
È molto probabile che non abbiate nemmeno un posto dove vivere e, se doveste avere la possibilità di affittare uno spazio, vi chiederanno una garanzia.
Non avrete una rete di supporto a cui rivolgervi nei momenti di bisogno, perché non avete un nucleo familiare che vi fornisca sostegno morale e finanziario.
Il successo del diploma dei giovani non dovrebbe dipendere dall’istituto in cui si diplomano, purtroppo pochi CAS hanno programmi che permettono ai giovani di acquisire strumenti per una vita indipendente.

Per questo motivo, è importante che il governo crei e sostenga politiche pubbliche che garantiscano che la laurea di un giovane sia graduale, consentendogli di sviluppare competenze per il suo sviluppo, garantendo il suo diritto all’istruzione, fornendogli le competenze per trovare un lavoro dignitoso e l’accesso ai servizi sanitari. salute e all’alloggio.

Costruire una rete di sostegno

-” Quando si decide di iniziare a vivere in modo indipendente, bisogna innanzitutto cercare un lavoro per poter coprire le spese. Durante il colloquio, vengono fatte domande sul vostro background familiare e quando dite che siete cresciuti in un istituto, prima rimangono in silenzio e poi iniziano a farvi domande su cosa significhi vivere in un posto del genere. È scomodo, perché la tua situazione li rende morbosi o curiosi e quando ti chiedono dei riferimenti familiari, la risposta è che non esistono e questo li fa interrogare ancora di più. -” ha commentato Alemania a proposito delle sfide che ha dovuto affrontare come giovane laureata del sistema di protezione.

In generale, la società non sa cosa sia un Centro di assistenza sociale e quali servizi offra, ma è ancora più ignara del problema dell’abbandono a 18 anni affrontato da migliaia di giovani cresciuti senza le cure dei genitori, non solo in Messico, ma anche in tutto il mondo.

In questo scenario, la Rete Latinoamericana di Alumni Protettori cerca di migliorare le condizioni di vita dei giovani diplomati, con l’obiettivo di rafforzarli e prepararli in modo completo al loro percorso verso l’indipendenza, lavorando su tre linee:

Gestione delle indagini per conoscere la realtà dei laureati del sistema di protezione in ogni Paese dell’America Latina.
Incidenza nelle politiche pubbliche per contribuire al miglioramento delle strutture sociali e giuridiche dei laureati del sistema di protezione.
Promozione della partecipazione giovanile, generando legami e reti di avvicinamento tra i diplomati del sistema di protezione e la società nel suo complesso.
Attualmente, la Rete è composta da 17 organizzazioni in nove Paesi dell’America Latina, tra cui SOS Villaggi dei Bambini Messico, Argentina e Cile. I giovani che compongono la Rete latinoamericana dei laureati in protezione chiedono agli Stati della regione l’attuazione di politiche pubbliche che forniscano accompagnamento, protezione, sostegno e informazione ai giovani che vivono nei CAS; chiedono inoltre di rendere visibile la situazione dei bambini e degli adolescenti che vivono senza cure parentali, perché da grandi saranno parte attiva della società.

  • “Oggi diciamo e chiediamo che non vogliamo fare un passo indietro, che siamo cittadini, che dobbiamo avere piena garanzia dei nostri diritti umani e che confidiamo di poter avere un’altra realtà e che siamo disponibili a lavorare fianco a fianco in tutto ciò che è necessario” – hanno dichiarato i giovani durante la Dichiarazione al IV Congresso della RETE LATINA. Il messaggio è stato indirizzato agli Stati con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’assistenza ai bambini, agli adolescenti e ai giovani che vivono nel sistema di assistenza alternativa.

Per garantire il successo del diploma dei giovani, i Centri di assistenza sociale devono disporre di professionisti formati che siano empatici nei confronti della situazione dei giovani vulnerabili, che ascoltino le esigenze di ciascun giovane per creare un piano di diploma in base alle sue capacità e attitudini; è inoltre importante fornire un sostegno dopo il diploma.

D’altra parte, lo Stato deve creare programmi di sostegno che garantiscano loro l’accesso ai servizi sanitari e abitativi, a una banca del lavoro, e il cui obiettivo principale è migliorare la qualità del sistema di istituzionalizzazione dei bambini e degli adolescenti, fornendo loro strumenti che contribuiscano al loro futuro.

Il futuro dei giovani usciti dai sistemi di protezione è ancora scoraggiante e non possiamo continuare a chiudere gli occhi sulla loro situazione. Pertanto, i CAS, lo Stato e le organizzazioni della società civile devono

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

12 − 9 =