Uno spazio per le famiglie migranti

Uno spazio per le famiglie migranti

Immaginate di passare ogni giorno a pensare che, se non fuggite dal vostro Paese, una banda criminale vorrà reclutare uno dei vostri figli e che, se rifiutate, la vostra famiglia sarà costantemente minacciata e potrebbe persino togliersi la vita. Non volete che vivano nella paura, volete solo che si sentano al sicuro e se devono lasciare la loro casa per farlo, lo faranno, anche se molto probabilmente non torneranno.

Viaggiare clandestinamente con tutta la famiglia è stato duro, sono passati diversi mesi e non hanno avuto una risposta alla loro richiesta di asilo politico.

I giorni nel centro di accoglienza per migranti sono molto duri, anche se sei lì da settimane con la tua famiglia, loro non lo sentono come la loro casa; tutti dormono in una stanza enorme dove improvvisano dei letti, ai tuoi figli non piace il cibo, sei preoccupato che se un giorno si ammaleranno non avrai i soldi per pagare le medicine, hai smesso di pensare a quando potranno riprendere le lezioni, ma non riesci a smettere di pensare a Cosa faranno se non saranno riconosciuti come rifugiati, dovranno tornare nel loro Paese? Inoltre, temete che qualcuno della vostra famiglia possa contrarre il virus.

Questa è la realtà vissuta dai migranti provenienti da Paesi come Honduras, El Salvador, Nicaragua e Guatemala, che decidono di intraprendere un viaggio, a volte senza ritorno, per fuggire dalla violenza che affligge le loro città e ottenere una migliore qualità di vita. vita.

Rafforzare le famiglie in movimento

La pandemia COVID-19 ha colto di sorpresa il mondo intero, soprattutto le persone in situazione di mobilità che avevano l’obiettivo di attraversare gli Stati Uniti, perché prima della chiusura delle frontiere, i processi di richiesta di asilo sono stati bloccati fino a nuovo ordine e i centri di accoglienza hanno chiuso i battenti, operando solo con le persone che già supportavano prima della contingenza sanitaria per evitare il contagio. La sua situazione è ancora più preoccupante.

I migranti sono costantemente danneggiati da un sistema pieno di disuguaglianze che viola la loro vita e la loro integrità fisica, emotiva e psicologica, ma nel bel mezzo di questa pandemia, si trovano più vulnerabili perché soffrono della mancanza di protezione e del disinteresse dello Stato; inoltre, i centri di accoglienza non sono in grado di far fronte alle poche risorse che hanno e ancora meno ora, di fronte alla crisi sanitaria ed economica che sta colpendo tutti.

Data la situazione, SOS Villaggi dei Bambini e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – un organismo delle Nazioni Unite incaricato di proteggere i rifugiati e gli sfollati a causa di persecuzioni o conflitti e di promuovere soluzioni durature alla loro situazione – da giugno a dicembre hanno accolto 28 famiglie guidate da donne in movimento presso le strutture di SOS Villaggi dei Bambini a Tijuana, garantendo così alle bambine, ai bambini e agli adolescenti di rimanere in un ambiente sicuro e protettivo con le loro famiglie.

L’alleanza con l’UNHCR ha permesso alle famiglie che si trovavano nei rifugi di vivere in una casa con quattro camere da letto, tre bagni, un soggiorno, una sala da pranzo, una zona lavanderia e aree verdi, migliorando così la loro qualità di vita. Attraverso l’affido, entrambe le organizzazioni cercano di fornire un’assistenza completa che copra i bisogni di base come cibo, alloggio e vestiti. Inoltre, forniscono consulenza legale, assistenza medica, psicologica e pedagogica a livello familiare e individuale per rafforzare il loro stato fisico e psico-emotivo.

  • Per prevenire la COVID-19, oltre a tutti i servizi che forniamo, un medico visita le famiglie una volta alla settimana per effettuare controlli medici e tutti i ragazzi e le ragazze sono già iscritti a istituti scolastici e continuano con le lezioni a distanza. Per noi è molto importante garantire il loro benessere e il loro diritto all’istruzione e alla salute” – commenta Diana Rosales, direttrice nazionale di SOS Villaggi dei Bambini Messico a proposito del sostegno fornito alle persone in movimento.

In soli tre mesi, l’alleanza ha avuto un impatto su 74 partecipanti: i bambini e gli adolescenti hanno visto ripristinato il loro diritto all’istruzione e, attraverso le attività ricreative, sono riusciti a rafforzare i loro legami personali e la loro autostima; nel frattempo, i genitori hanno ricevuto un accompagnamento e una guida per continuare a costruire legami familiari più forti e curare le loro emozioni.

L’UNHCR e SOS Villaggi dei Bambini sono impegnati a ripristinare i diritti dei bambini e degli adulti in situazione di mobilità, perché il loro status migratorio non ne giustifica la privazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

9 − one =